Ultimatum di Forza Italia a Cè

I modi sono pacati, ma la sostanza è un ultimatum a Alessandro Cè. Maria Stella Gelmini lancia un estremo appello di Forza Italia alla Lega e all’assessore sospeso. «Formigoni ha avuto fin troppa pazienza» dice la coordinatrice azzurra della Lombardia. E ancora: «Più passa il tempo e più diventa difficile ricucire». Insomma, serve un passo indietro e serve in fretta: una lettera di scuse più vincolante di quella messa giù da Gelmini e Giorgetti e che Cè non ha neanche mai firmato. Il più sereno sembra Roberto Formigoni, che nel giorno della nascita del nuovo esecutivo regionale avverte «pieno appoggio da Forza Italia». Il governatore ha assunto su di sé il ruolo dell’assessore Cè: «Nessuna impasse, la giunta è nelle pienezza dei poteri e io funziono da “sovrintendente” della Sanità. Ho anche preso provvedimenti sull’influenza aviaria...». Lunedì potrebbe essere la giornata decisiva anche perché è prevista una cena a Arcore tra Umberto Bossi e Silvio Berlusconi. Il Senatùr ha promesso ai suoi durante l’ultimo consiglio nazionale della Lega che la situazione sarebbe stata risolta subito dopo il rientro di Berlusconi da New York. «Una soluzione dovrà esserci ma con calma» commenta il lumbard Giancarlo Giorgetti.