«Umberto I, bilancio di previsione inutile»

«Un singolare evento s’è verificato all’Umberto I: il 3 luglio l’amministrazione ha approvato il bilancio di previsione. Fin qui niente di male. La stranezza è che non si tratta di quello del 2009, come sarebbe naturale, ma di quello dell’anno in corso, il 2008. Domanda: com’è possibile programmare l’assistenza sanitaria, preventivando le uscite di cassa quando ormai i giochi son fatti? Per legge il bilancio di previsione delle aziende ospedaliere va approvato entro il 30 settembre dell’anno precedente». Lo ha dichiarato Fabio Desideri, consigliere regionale della Rosa per l’Italia.