Da Umts a Hsdpda, ecco i significati delle tante sigle con cui conviviamo

Ecco un piccolo dizionario per orientarsi nel mondo degli acronimi delle TLC.
DSL (Digital subscriber line). Protocollo che consente il trasferimento dei dati tramite la linea telefonica con una velocità fino a 8 Mbps. Esistono due tipi di DSL, quello asimmetrico (Adsl) che consente una maggiore velocità in ricezione, particolarmente indicato per accessi a internet e a servizi di Tv on demand; e quello simmetrico, che consente un’alta velocità sia in ricezione che in trasmissione.
UMTS (Universal Mobile Telecommunication System). Standarªd di comunicazione mobile per telefonia cellulare, che consente un miglior accesso a Internet, tramite l’allargamento della banda di trasmissione fino a 2Mbps. La velocità di trasmissione varia da 144 Kbps a 2 Mbps a secondo che l’utente sia in movimento o fermo.
GPRS (General Packet Radio Service). Sistema telefonico cellulare, definita spesso 2.5 G. Consente l’accesso a Internet via cellulare sfruttando la rete Gsm, a una velocità moderata, inferiore a quella dell’Umts, fino a 57,5 Kbps.
WAP (Wireless Application Protocol). Tecnologia per il collegamento di telefoni cellulari, Pda e computer palmari a sistemi Internet di posta elettronica o a siti dedicati. Si tratta quindi di una navigazione molto limitata.
DVB (Digital Video Broadcasting). Standard di trasmissione televisiva digitale diffuso in Europa. Il segnale viene compresso utilizzando il metodo MPEG 2. A secondo della lettera che segue cambia il tipo di strumento utilizzato. Il DVB-S è per la trasmissione via satellite, il DVB-C per quella via cavo e il DVB-H per quella che utilizza la rete di telefonia cellulare.
DMB (Digital Media Broadcasting). Standard per la trasmissione tv che sfrutta la rete cellulare. È una derivazione dello standard della radiofonia digitale DAB (Digital Audio Broadcasting).
WI-FI (Wireless Fidelity). Con questa abbreviazione si indicano le reti locali senza fili (WLAN- Wireless Local Area Network) basate sulle specifiche dello standard IEEE 802.11. Sfruttano le onde radio per far comunicare strumenti come Pda, cellulari, pc dotati di dispositivo o scheda per la connessione Wireless. Per connettersi occorre essere vicini a un punto di accesso, detto hot spot.
WI-MAX. Nome commerciale della rete wireless che utilizza le tecnologie conformi allo standard IEEE 802.16 (lo stesso del Wi-Fi). Le connessioni sono definite in una serie di frequenze dai 2 ai 66 GHz con velocità di trasmissione sino a 70 mbit/secondo e su una distanza massima tra stazione base e terminale di 50 chilometri. A differenza del Wi-Fi, che è una tecnologia di rete locale, Wi-MAX è una MAN (Metropolitan Area Network), una rete di area metropolitana che copre quindi un’ampia zona. In questo caso non occorre essere vicini a un punto di accesso.
HSDPDA (High Speed Downlink Packet Access). Meglio noto come il nuovo Umts perché nettamente più veloce, consente di navigare nel Web via cellulare con la stessa velocità della banda larga di cui si dispone da telefono fisso.
VOIP (Voice over Internet Protocol). Rende possibile effettuare una conversazione telefonica sfruttando una connessione Internet o un’altra rete che utilizza il protocollo IP, anziché passare attraverso la normale linea di trasmissione telefonica.