«Unico rimedio la castrazione»

«La castrazione chirurgica è l’unico rimedio». È il commento dell’assessore regionale Pier Gianni Prosperini dopo la violenza di Viale Umbria. Prosperini punta il dito contro gli immigrati islamici, che provengono da «paesi dove la donna è ancora considerata un oggetto, le infibulazioni sono normali, i maltrattamenti all’ordine del giorno».
Secondo l’esponente di An, la castrazione chirurgica può servire da deterrente ai molti che delinquono pensando di rimanere impuniti.
«Solo così daremo un segnale alle loro menti primitive - ha affermato Prosperini -. La legge del taglione va applicata a queste bestie poiché è l’unica che possono comprendere».