Unicredit Oggi Ghizzoni si gioca la partita dei due dg

Si chiuderà domani, con l’ufficializzazione del tandem Ermotti-Nicastro, il tormentone dei direttori generali per il dopo-Profumo in Unicredit. Il successore del banchiere genovese Federico Ghizzoni è stato al lavoro nel week end per mettere a punto i dettagli di una squadra che sarà completata con il direttore operativo (coo) Paolo Fiorentino. Il calendario prevede un comitato nomine già stamane, durante il quale saranno messi a punto gli ultimi tasselli del mosaico. Un percorso indicato come ormai in discesa, anche se il lavoro sulla governance non è affatto semplice ed è risultato - come si apprende - «abbastanza complesso». L’obiettivo è, come ha ricordato più volte Ghizzoni, mantenere la continuità con la linea indicata da Profumo, per tutelare le diverse aree strategiche della banca. Secondo fonti finanziarie la situazione appare ora «tranquilla», con Nicastro incaricato di seguire la divisione retail e Pmi ed Ermotti responsabile del corporate e dell’investment banking. Resta ancora aperto invece il dossier MedioCreditoCentrale. Recentemente l’amministratore delegato di Poste Italiane Massimo Sarmi, che ha incontrato Ghizzoni lo scorso 14 ottobre, ha affermato che «l’operazione va avanti» e ormai la due-diligence dovrebbe essere prossima alla conclusione. Un’operazione che, come ha spiegato lo stesso Sarmi, non è stata oggetto di ripensamenti dopo il cambio della guardia tra Profumo e Ghizzoni.