Unione Europea Fermata la caccia ai fringuelli

Il presidente della Corte di giustizia dell’Unione Europea, con sede in Lussemburgo, ha sospeso, in attesa della sentenza, l’applicazione della legge della Regione Lombardia sulla caccia che autorizza, in deroga, l’attività venatoria a quattro specie protette: fringuello, peppola, pispola e frosone. La commissione europea è ricorsa alla Corte ritenendo la normativa non completamente conforme alla direttiva sulla conservazione degli uccelli selvatici e tale da non garantire che le deroghe adottate ne rispettassero condizioni e requisiti. Secondo l’esecutivo comunitario la determinazione delle piccole quantità che possono essere cacciate, così come previsto dalla normativa lombarda, «non è stata effettuata in base a informazioni scientifiche, bensì su un calcolo al quale ha provveduto la stessa amministrazione».