Unioni di fatto, un ministro smentisce l’altro

Nel giorno in cui il Sir, il Servizio di informazione religioso promosso dai vescovi italiani, ricorda gli ultimi interventi del Papa in materia di coppie di fatto e sottolinea che «non c’è alcun bisogno di una legislazione-quadro», il governo annuncia che presto presenterà una sua proposta sulle unioni civili. «Nel programma di governo non ci sono i Pacs», ha detto ieri Giulio Santagata, il ministro del Programma, che ha spiegato: «ora stiamo procedendo, il ministro Bindi e il ministro Pollastrini sono impegnati a darci una proposta da portare in parlamento nelle prossime settimane». Domenica Rosy Bindi, ministro per la Famiglia, aveva invitato i radicali e a quanti chiedono al governo a fare presto a «darsi una calmata». «Il disegno di legge sulle coppie di fatto - aveva detto il ministro per la Famiglia - lo faremo quando ci troveremo d’accordo». La Bindi aveva negato che con la collega Barbara Pollastrini, responsabile delle Pari opportunità, ci siano divergenze. Anche perché «non ci siamo nemmeno incontrate». Sempre ieri il leader ds, Piero Fassino, ha detto che «serve una legge in tempi rapidi» e l’esponente della Rosa nel pugno Roberto Biscardini ha ricordato alla Bindi l’impegno a presentare un disegno di legge entro la fine di gennaio.