Unipol, settimana decisiva per Bnl

Ultimi giorni per Unipol per decidere l’eventuale lancio della contro-offerta su Bnl. Alla compagnia bolognese lavorano al progetto di un’offerta concorrente su Bnl che, per essere migliorativa nei confronti di quella in titoli del Bbva a 2,52 euro, deve essere lanciata in contanti e deve essere pubblicata entro 5 giorni prima della conclusione dell’offerta in corso, fissata per il 22 luglio. Sulla possibile offerta non pesa solo il nodo finanziario. Banca Mps con una operazione in derivati ha ceduto a termine le azioni Bnl, perdendo di fatto la titolarità del suo 4,4% e uscendo così dall’istituto di via Veneto, e così facendo ha scompligliato le carte: a seconda di quale dei tre istituti (Deutsche Bank, Lehman Brothers e Barclays Bank) si aggiudicherà il pacchetto Bnl, sarà possibile comprendere il comportamento in sede di Ops Bbva o di eventuale contro-offerta Unipol. Ma la decisione è stata interpretata dal mercato come un ostacolo alla cordata italiana e ha penalizzato il titolo Bnl che ha ceduto ieri quasi il 3%. Se l’offerta non dovesse essere lanciata, Unipol dovrebbe anche spiegare ai propri azionisti le ragioni per cui ha comprato negli ultimi giorni azioni Bnl con il solo obiettivo dichiarato di difendere l’investimento in Bnl Vita.