Uniti per Rapallo torna a Casa

Uniti per Rapallo torna a Casa. Hanno fatto un giro immenso, i componenti della lista di Giovanni Macchiavello, oggi in Regione, e di Arduino Maini, consigliere comunale di Rapallo. Prima con il candidato sindaco, poi eletto, Armando Ezio Capurro, poi contro di lui, col passaggio dalla maggioranza all’opposizione e con il voto della mozione di sfiducia. Adesso tornano definitivamente al punto di partenza, a riunire il centrodestra, «nella speranza che la ritrovata unità possa possa rappresentare un punto di partenza per il futuro, in vista delle nuove elezioni amministrative».
Un percorso lungo, spiega una nota della lista. Il passato: «Una situazione compromessa da tempo, con un epilogo inevitabile vista la lunga serie di errori commessi dalla maggioranza. Non bisogna confondere vicissitudini personali con la richiesta di una sfiducia che è stata solamente politico-amministrativa e che riguarda il modo arrogante con cui l’ex sindaco ha governato, con nessun contatto diretto con i cittadini e ritenendo la “cosa pubblica” come fosse una “cosa sua”». Il presente, con un commissario che, avverte Uniti per Rapallo, «saprà sicuramente traghettare nel migliore dei modi l’amministrazione verso le prossime elezioni». E il futuro: «Siamo ben consci che è necessario un bagno di umiltà da parte di tutti, ma auspichiamo un candidato sindaco condiviso, che restituirca credibilità al ruolo del primo cittadino e a quello delle persone (assessori e cosiglieri) che lavoreranno con lui, eliminando veleni e inutili personalismi».