Università, boom delle tesi di laurea sul 2015

Le università milanesi manifestano, ma questa volta non contro la riforma Gelmini e non con proteste in piazza. Tutt’altro. Le università manifestano grande interesse verso l’Expo, diventato il tema più gettonato per le tesi di laurea. Nel giro di un semestre, da quando cioè Milano si è aggiudicata l’edizione 2015 dell’esposizione internazionale, decine di studenti hanno visto nell’evento un input interessante da sviluppare e, poi, portare in sede d’esame. Tra i più motivati in questa direzione ci sono i ragazzi del Politecnico, soprattutto quelli di Architettura. Per niente indifferenti sono anche i futuri dottori dello Iulm e della Bicocca. Futuri e attuali. Perché Roberto Bolzoni ha concluso la carriera universitaria il luglio scorso. Neo-Laureato in Sociologia, è stato tra i primi a discutere «l’Expo 2015» - titolo della sua tesi -, davanti al Magnifico Rettore della Bicocca. «Cercavo un argomento che potesse essere affrontato dal punto di vista organizzativo, economico e sociologico - spiega il ragazzo - «e l’Expo si prestava bene», conclude.
Oggi i giovani milanesi studiano l’Expo, lunedì una delegazione di cittadini e associazioni presentava «l’Expo che sogniamo», un testo di progetti per prepararsi al meglio all’evento. Autorità e istituzioni, dalla Moratti a Tettamanzi, non perdono un giorno senza toccare il discorso. È innegabile: l’Expo di Milano è già iniziato.