Unrath & Strano La classe è hi tech

La parte nordica si chiama Klaus Unrath, la parte caliente Ivan Strano. Tedesco il primo, italiano il secondo, si sono incontrati nell’atelier londinese di «Lady» Vivienne Westwood, dove entrambi hanno lavorato negli anni Novanta. Oggi Unrath & Strano è un marchio (il quartier generale a Berlino) noto, che ha sfilato a Londra, Parigi, Roma, Dubai e ovviamente a Berlino.
Segni particolari: glam, lusso e hi tech. Ovvero: creazioni singolari coniugate a materiali ricercati (ricami, stampe artistiche ispirate a Otto Dix, loro pittore preferito e guardacaso tedesco) mixati a materiali «funzionali» e ipertecnologici.
Ieri sulle passerelle di Unrath & Strano hanno sfilato abiti in tutte le tonalità del rosso (dal rubino all’arancio), e nelle sfumature del verde. Giacche, cappotti, gonne e pantaloni guarniti da passamanerie di cuoio. Accostamenti inediti come il satin e il velluto, il nylon e il jersey, combinati tra loro in modo mai banale. Stampe dai colori vivaci (sugli abiti ad esempio la stampa di Felix, il terrier-mascotte dei due stilisti). Ma soprattutto i tessuti «funzionali» di altissima qualità che fanno capo al marchio Polartec - inventore del fleece, secondo il Time una delle migliori cento invenzioni del ventesimo secolo.