Gli uomini nel Pd finiti nei guai

Quello di Penati è solo l'ultimo caso che scuote il Pd. Infatti nell'ultimo anno diversi esponenti del partito o persone ad esso vicine sono state iscritte nel registro degli indagati. Ecco le principali

Nell'ultimo anno il Partito democratico è finito sotto i riflettori della magistratura. Consulenti di partito, esponenti parlamentari sono stati iscritti nel registro degli indagati. Ecco quali sono stati i casi più eclatanti:

PENATI: E' l'ultimo caso. Il vicepresidente del Consiglio regionale lombardo è indagato per concussione e corruzione in un'inchiesta della procura della Repubblica di Monza in merito all'area Falck di Sesto San Giovanni. L'ipotesi di accusa parla di quattro miliardi di lire di tangenti pagate tra il 2001 e il 2002.  

DE LUCA: Il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, è stato indagato per abuso d'ufficio per il Crescent, mega complesso edilizio in costruzione sul lungomare della città campana

PRONZATO:  L'ex consigliere dell'Enac nonché ex responsabile nazionale per il trasporto aereo del Pd era stato arresto in merito a una indagine per corruzione della procura di Roma sull'appalto sui voli tra l'Isola d'Elba, Firenze e Pisa. Ora è tornato in libertà

TEDESCO Il senatore del Pd, Alberto Tedesco è indagato nelle inchieste sulla gestione della sanità regionale. La procura di Bari ha chiesto il suo arresto, sul quale il Senato si pronuncerà oggi.

MORCONE Secondo il Fatto il direttore dell'agenzia nazionale dei beni confiscati e candidato del Pd a Napoli è il principale indagato nell'inchiesta del pm Henry John Woodcock sull’assegnazione degli appalti per l'assistenza ai rifugiati per abuso d’ufficio, turbativa d’asta e truffa.

CASALE L'immobiliarista emiliano, Vittorio Casale, è finito in carcere con l’accusa di bancarotta fraudolenta. Vicino a Giovanni Consorte, ex numero uno di Unipol, Casale era già finito al centro delle indagini nell’estate dei “furbetti del quartierino”. L’inchiesta, adesso, è della procura di Milano 

MORICHINI Vincenzo Morichini è stato uno dei soci di D’Alema nella proprietà della barca a vela “Ikarus”. E' accusato di frode fiscale e false fatturazioni. Inoltre è accusato da un imprenditore toscano, Pio Piccini, di aver chiesto finanziamenti alla fondazione dalemiana Italianieuropei e al Pd al fine di ottenere commesse da Finmeccanica.

VITRANO I deputato regionale siciliano Gaspare Vitrano (Pd) è stato arrestato a Palermo il 12 marzo scorso dopo avere intascato una mazzetta da 10mila euro da un imprenditore del fotovoltaico.