Usa, la Bbc attacca il Cavaliere: "Oh no, Silvio!"

Un nuovo attacco. A orologeria. Il giorno stesso in cui il premier si trova in America per incontrare
Obama, la Bbc sferra un nuovo
attacco: "Oh no, Silvio!". Poi nel sommario: "Riuscirà il premier
italiano a non offendere nessuno, durante la sua visita negli Stati
Uniti?"

Londra - Un nuovo attacco. A orologeria. Il giorno stesso in cui il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, si trova in America per incontrare Barack Obama in vista dell'imminente G8, la Bbc sferra un nuovo attacco: "Oh no, Silvio!". Poi nel sommario: "Riuscirà il premier italiano a non offendere nessuno, durante la sua visita negli Stati Uniti?". Così, sulla base di questo interrogativo lanciato da Stephen Mulvey e pubblicato sul sito cdell'emittente inglese questo pomeriggio, la stampa britannica torna a puntare il dito contro il governo italiano.

Nuovo attacco dei media inglesi Il tam tam mediatico non lascia in pace l'Italia. Dopo il Times del magnate australiano Rupert Murdoch, questa volta è la Bbc ad attaccare il Cavaliere andando a "ripescare" la battuta del premier sul colore della pelle del capo di Stato americano. Un episodio che lo stesso Berlusconi ha rievocato ieri pomeriggio, alla vigilia del suo imbarco per Washington, per sdrammatizzare le continue pressioni dei media: "Parto bello e abbronzato".

Un editoriale studiato ad hoc Riportando anche il parere di professori universitari e giornalisti italiani, il sito dell'emittente inglese arriva addirittura a ipotizzare il "razzismo" del presidente del Consiglio. Da qui, poi, l'attacco - ovviamente - muove sul piano personale tirando furi ad hoc le recenti bufere che hanno coinvolto il presidente del Consiglio. Così, ancora una volta, i voli di Stato, foto (definite "seminude") di Villa Certosa, i gossip di bassa lega su Noemi e i litigi familiari diventano lo spunto per puntare il dito.