Usa, disastro ecologico Nel fiume di Yoghi mille barili di petrolio

Un oleodotto della Exxon Mobil si è rotto causando una perdita di greggio. Paura per i danni ambientali. La perdita potrebbe estendersi oltre la fascia di 16 km di cui si è parlato all'inizio

Un brutto incidente sta creando non poca apprensione negli Stati Uniti. La perdita di petrolio nel fiume Yellowstone (quello dell'orso Yoghi, il popolarissimo personaggio dei cartoni animati creato da Hanna-Barbera) in Montana, potrebbe estendersi molto oltre la fascia dei 16 chilometri, che finora era stata considerata coinvolta. Lo ha ammesso Exxon Mobil, a cui appartiene l'oleodotto che si è rotto provocando la perdita di petrolio. In in primo momento invece la compagnia si era rifiutata di riconoscere che la perdita si fosse già diffusa per oltre 10 chilometri. Exxon ha già dispiegato 280 persone per la pulitura e 14,5 chilometri di cosiddette barriere, cioè i salsicciotti autogalleggianti per il contenimento e l'assorbimento del petrolio in acqua, ha fatto sapere la compagnia. Inoltre il presidente di Exxon Mobil Pipeline, Gary Pruessing, ha promesso che farà "tutto il necessario" per cercare di asciugare il petrolio fuoriuscito dal pezzo di 30 centimetri di tubatura che si è rotto sabato.

Il governatore dello Stato, Brian Schweitzer, ha in programma di visitare le aree colpite domani. Al termine della conferenza stampa che ha tenuto, diversi proprietari di terreni vicini al fiume si sono lamentati con lui denunciando anche che diverse persone stanno male a causa delle esalazioni del petrolio. "Ho bisogno di sapere a cosa siamo esposti", ha detto Mike Scott, proprietario di una fattoria e ambientalista convinto. "Le persone ora stanno male, hanno nausea, problemi respiratori e capogiri", ha continuato Scott.

Paura per i danni ambientali che la perdita di petrolio potrebbe causare. Secondo Exxon Mobil finora la fauna non ha subìto molti danni e sarebbe stata trovata morta soltanto un'anatra, ma il giornale locale Billings Gazette ha pubblicato foto di una tartaruga e un gruppo di pellicani cosparsi di petrolio. Intanto in Montana è arrivata una squadra di sei persone dell'International Bird Rescue per aiutare a salvare eventuali animali in difficoltà, il cui numero potrebbe aumentare.