Usa e Inghilterra simularono l’attacco a Teheran

Se la diplomazia e le eventuali sanzioni non dovessero persuadere Teheran ad abbandonare le sue ambizioni nucleari, i militari americani hanno già pronto un piano d’invasione di un inesistente Paese mediorientale chiamato Karona con confini e caratteristiche perfettamente coincidenti con quelli dell’Iran. Secondo il quotidiano londinese The Guardian, nel luglio del 2004 strateghi militari statunitensi e britannici si incontrarono a Fort Belvoir, in Virginia, per una esercitazione il cui nome in codice era Hotspur 2004. In quell’occasione furono sperimentati, sulla carta, i piani di invasione di Karona con mezzi da sbarco americani e la partecipazione di una brigata britannica sotto comando Usa. «Militari britannici hanno preso parte a un’esercitazione in vista di una possibile invasione dell’Iran, malgrado le ripetute assicurazioni del ministro degli Esteri Jack Straw che un attacco militare contro l’Iran è inconcepibile», scrive il Guardian, mentre un portavoce del ministero della Difesa ridimensiona la vicenda sostenendo che «questo tipo di esercitazione teorica è finalizzata a testare i militari in scenari di fantasia. Usiamo Paesi e situazioni inventati utilizzando mappe reali».