Usa, Fed: "Mille miliardi per soccorre la finanza" Senato, sì al piano Obama

Il Tesoro : "Pronti a
ripulire 500 miliardi di asset compromessi dai conti
delle banche&quot;. Intanto, <strong><a href="/a.pic1?ID=327742">arriva il 'sì' dal Senato al piano Obama</a></strong>: piano da 838 miliardi

Washington - Il Tesoro degli Stati Uniti ha rivelato un piano di salvataggio finanziario rinnovato per ripulire fino a 500 miliardi di asset compromessi dai conti delle banche e sostenere il settore con mille miliardi in nuovi prestiti attraverso un programma esteso della Fed. Il ribattezzato "Financial Stability Plan", lanciato dal segretario al Tesoro Timothy Geithner, devolverà anche 50 miliardi in fondi federali di salvataggio per cercare di contenere i pignoramenti delle abitazioni e alleggerire l’impatto della crisi immobiliare che affligge adesso l’intera economia.

Il fondo di investimento Il Tesoro ha detto che verrà stabilito un fondo d’investimento pubblico-privato sostenuto con denaro del governo, per influenzare il capitale privato in modo che i cosiddetti asset tossici possano essere espulsi dal sistema bancario. La speranza è che questo dia alle banche la possibilità di tornare a fare prestiti. Geithner ha riconosciuto che un profondo scetticismo si è sviluppato sulla correttezza e l’efficienza del programma di salvataggio banche di 700 milioni di dollari approvato dal Congresso in ottobre. Il segretario del Tesoro ha detto che i leader di alcune istituzioni finanziarie che hanno ricevuto il denaro hanno compromesso la fiducia di cui c’è bisogno per rendere il salvataggio delle banche effettivo. "Lo spettacolo di un alto ammonare di denaro dei contribuenti fornito alle stesse istituzioni finanziarie che hanno contribuito a provocare la crisi, con scarsa trasparenza e con superficialità, ha aumentato la sfiducia pubblica" ha detto Geithner.

Le tre mosse di Geithner Il piano di Geither si basa su tre pilastri e potrebbe raggiungere l’ammontare di 2mila miliardi di dollari: ampliamento fino a mille miliardi di dollari per il Talf (Term asset-backed security loan facility), cioè il programma di prestiti già varato d’intesa con la fed nelle scorse setttimane; 500 miliardi, estendibili a mille miliardi di dollari, per comprare gli asset tossici delle banche da parte di un’entità pubblica-privata; nuove iniezioni di capitale per il sistema bancario con la creazione di una società fiduciaria dove saranno fatti confluire tutti i nuovi investimenti effettuati dal governo attraverso titoli privilegiati convertibili. A questo si aggiunge un programma di 50 miliardi di dollari per sostenere i proprietari di casa in difficoltà con il mutuo. Le parole d’ordine lanciate da geithner sono "rilanciare il credito", "pulire e rafforzare le banche" e "fornire un aiuto vitale ai proprietari immobiliari e alle piccole imprese".