Usa, finisce male il test dell'aereo supersonico Il velivolo si perde e finisce nel Pacifico

Il test di volo del velivolo ultraveloce del Pentagono finisce in un nulla di fatto. La traccia guida viene persa dopo pochi minuti e l'aereo, si ipotizza, si inabissa nel Pacifico. L'aereo viaggiava senza equipaggi. <a href="http://www.ilgiornale.it/video/simulazione_volo_falcon/id=falcon_test" target="_blank"><em><strong>Guarda il video</strong></em></a>

Roma - Finisce in un nulla di fatto il secondo test sperimentale dell'aereo ipersonico americano. La torre di lancio perde il segnale traccia del velivolo dopo soli 9 minuti. Si ipotizza che il Falcon si sia poi inabissato nel Pacifico. L'areo volava senza equipaggio.

Gli americani ci hanno investito 308 milioni di dollari. Il Falcon, l'aereo supersonico sviluppato dal Pentagono, sarebbe in grado di collegare Los Angeles e New York in dodici minuti, se avesse finalità civili. In realtà l'areo è uno dei progetti bellici più avanzati della macchina da guerra americana, in grado di imbarcare fino a 2.500 chili di peso, quindi potenzialmente anche un ordigno nucleare e di raggiungere qualsiasi obiettivo nel tempo massimo di un'ora. Ipoteticamente. Il progetto non è però ancora completo e i test in volo dell'areo non sono finiti come si sperava. L'aereo, lanciato questa mattina senza equipaggio a bordo, ha perso contatto con la torre di lancio dopo meno di dieci minuti dalla partenza. Gli esperti ipotizzano che il Falcon, progettato per volare al di fuori dell'atmosfera, ad una velocità di ventivolte superiore la velocità del suono, si sia inabissato nel Pacifico. Anche il primo test sperimentale, nell’aprile scorso, si risolse in un nulla di fatto.