Usa, iraniano con l’auto sulla folla

Washington. Un iraniano di 22 anni, laureato di recente alla University of North Carolina, ha lanciato la propria auto in mezzo agli studenti dello stesso campus, ferendone alcuni in modo lieve. Il gesto, secondo quanto il giovane ha raccontato alla polizia dopo l'arresto, era legato alla sua volontà di «vendicare le morti e l'assassinio di musulmani in tutto il mondo».
Mohammed Reza Taheri-azar è stato incriminato per tentato omicidio ed è ora in cella con una cauzione fissata a 5,5 milioni di dollari. L'Fbi ha indagato su di lui e inviato una squadra di specialisti in esplosivi nel suo appartamento, ma non ha trovato alcun indizio che faccia pensare a legami con il terrorismo.
Taheri-azar si è laureato lo scorso dicembre in psicologia e filosofia. Venerdì, alla guida di una Jeep Cherokee, ha puntato dritto su un piazzale all'interno del campus a Chapel Hill dove si trova un popolare ristorante all'aperto e ha seminato il panico tra la folla. Nessuno è rimasto seriamente ferito e solo cinque studenti e un professore hanno dovuto farsi medicare per contusioni.
Dopo aver compiuto il gesto, il giovane si è dato alla fuga e ha poi chiamato la polizia, attendendo in auto il loro arrivo e lasciandosi arrestare.