Usa, la magistratura chiede a Ubs i nomi di 52mila clienti

Il
Dipartimento della Giustizia ha annunciato un’azione legale per costringere la banca a rivelare i conti all’Internal
Revenue Service, il fisco americano. Conti
segreti illegali pari a 14,8 miliardi di dollari

New York - La Giustizia americana ha chiesto che la banca svizzera Ubs riveli al fisco l’identità di circa 52 mila clienti americani titolari di conti segreti illegali pari a 14,8 miliardi di dollari. Il Dipartimento della Giustizia ha annunciato oggi un’azione legale per costringere Ubs a rivelare i conti all’Internal Revenue Service, il fisco americano. Nell’azione legale presentata a Miami si afferma che circa 52 mila clienti Usa hanno tenuto illegalmente i loro conti segreti al governo americano. Ubs, sotto inchiesta da maggio per aver aiutato ricchi americani a evadere il fisco, aveva ieri accettato di pagare 780 milioni di dollari e di rivelare i nomi di alcuni clienti aprendo una falla nel sistema del segreto bancario svizzero.