Usa, massaggiatrice uccisa in hotel killer incastrato dalle telecamere

Julissa Brisman, massaggiatrice e modella di 26 anni, è stata uccisa in un hotel di lusso da un cliente contattato sul sito Craigslis. <strong><a href="/fotogallery.pic1?ID=1116">Guarda la fotogallery
</a></strong>

Milano - Un giallo. Una bellissima aspirante modella, un albergo di lusso e un omicida incontrato su Craigslist, il noto sito di annunci, e incastrato dalle telecamere a circuito chiuso. Lei, bella, giovane e newyorkese si chiamava Julissa Brisman, 26 anni, modella e massaggiatrice per sbarcare il lunario. Prostituta, sospetta qualcuno. Ma la famiglia si affretta a smentire. Lui, il ventiduenne Phil Markoff, è già stato ribattezzato Craigslist killer e alle sue spalle si fa larga l'ombra della serialità. Potrebbero esserci lui dietro alcuni delitti irrisolti. Vittime, semrpe le massaggiatrici. Lo stesso uomo avrebbe anche derubato la scorsa settimana un’altra massaggiatrice di 29 anni di Las Vegas in un altro hotel di Boston, il Westin Copley Hotel, dopo averla legata con una corda di plastica.

Forse un killer seriale Secondo le autorità l’uomo potrebbe aver fatto anche altre vittime. "Ci potrebbero essere altre vittime, e chi è stato coinvolto è pregato di farsi avanti", ha detto Daniel Conley, avvocato distrettuale di Suffolk. "La nostra priorità numero uno è arrivare a dichiarare Philip Markoff responsabile". Non la pensa però così la fidanzata del sospettato, Megan McAllister che, in una email inviata alla rete televisiva Abc, ha difeso Markoff, affermando che la polizia ha l’uomo sbagliato, in quanto Markoff "non farebbe male a una mosca". Per le autorità è stato invece proprio lui a uccidere Julissa Brisman, 26 anni, originaria di New York e anche massaggiatrice, che aveva prenotato una camera nell’albergo di Boston Marriott Copley; il delitto sarebbe stato consumato proprio nella stanza.

Massaggiatrice o prostituta? Alcuni ospiti dell’hotel, il Boston Marriott Colpey, avrebbero sentito le urla; il corpo della donna è stato poi trovato in una pozza di sangue, colpito da diversi proiettili, con il polso bloccato con un materiale di plastica, lo stesso utilizzato forse dall’omicida nel furto della scorsa settimana. "Quello che sappimo è che Brisman ha offerto servizi di massaggio su Craigslist", ha detto Eaine Driscoll, portavoce della polizia di Boston. Molti sono però i sospetti sulla reale natura dei servizi che la donna avrebbe prestato, e si parla anche della possibilità che Brisman fosse in realtà una prostituta. La congettura è stata però fermamente smentita dai conoscenti della vittima.