Gli Usa pagheranno chi accoglie i detenuti

Gli Stati Uniti si impegnano a dare compensazioni ai Paesi che saranno disponibili ad accogliere ex detenuti di Guantanamo. Si tratta di un punto che può portare a breve a una dichiarazione congiunta Usa-Ue, con gli americani che spingono sull’acceleratore dopo che Barack Obama ha detto che intende chiudere la prigione entro il gennaio del 2010. Due i punti della bozza di dichiarazione che devono ancora essere chiariti con gli americani: il tipo di compensazioni che saranno date ai Paesi cooperanti; l’impegno degli Usa ad accettare detenuti. La questione sarà oggetto di discussione del consiglio esteri del 15 giugno prossimo, ma non è certo che il documento sarà finalizzato in quella data.
Alcuni Paesi, tra cui Olanda, Belgio, Grecia e, soprattutto, Germania chiedono ai partner prudenza. Altri, tra cui Italia, Francia, Spagna e Gran Bretagna, insistono invece per tempi brevi.