Usa, uccide la fidanzata per mangiarla

Christopher Lee McCuin ha ucciso la fidanzata Jana Sherer , l'ha fatta a a pezzi e l'ha bollita. Stava per iniziare a mangiarla quando sono intervenuti i soccorsi del 911 e i poliziotti

Austin - L’aveva fatta a pezzi, bollita e forse era pronto a mangiarla. Christopher Lee McCuin, 25 anni, è in carcere con l’accusa di aver ucciso Jana Shearer, 21 anni. Si trova in cella d’isolamento con una cauzione da 2 milioni di dollari e rischia la pena capitale. La scena che si è presentata ai poliziotti era raccapricciante. Sono entrati in una casa di Tyler, in Texas, dopo aver ricevuto una chiamata di pronto intervento. In cucina hanno trovato un orecchio umano che bolliva in un pentolino e sul tavolo un grosso pezzo di carne infilzato da una forchetta. Era stato proprio McCuin a fare la chiamata e a svelare i suoi truculenti piani.

Precedenti per violenza Non si sa ancora se il ragazzo avesse già iniziato il suo "fiero pasto". Domenica mattina McCuin ha chiamato la madre, con cui vive, per mostrare a lei e al suo compagno cosa aveva fatto. I due hanno visto i resti di Shearer, sono scappati di casa e si sono precipitati in un commissariato. Il ragazzo ha chiamato il 911 dicendo che aveva ucciso la ragazza e che stava facendo bollire pezzi del suo corpo. Quando i poliziotti sono arrivati, il ragazzo si è prima barricato in casa, ma poi si è consegnato. Shearer è morta per un trauma cranico, dicono gli uomini del 911. Era stata prelevata da casa venerdì sera dal suo assassino. McCuin ha alle spalle una storia violenta. Ha picchiato la ex moglie, la sorella e la fidanzata (prima di arrivare a mangiarsela). Ed è sospettato anche di aver pugnalato sabato mattina il ragazzo della ex moglie.