Utile a 86 milioni Sale la raccolta

Raccolta (+13,43%) e impieghi (+14,21%) in aumento per la Banca Popolare di Sondrio che chiude i primi sei mesi dell’anno con un utile netto di 86 milioni di euro. «Malgrado la proficua azione commerciale», spiega la stessa Sondrio, il risultato netto (-36,24% rispetto a giugno 2009) è stato condizionato dalla contrazione del margine di interesse, indotto dal basso livello dei tassi, e dal deprezzamento di attività finanziarie correlato all’andamento dei mercati (principalmente Cct, per 30 milioni circa). L’istituto cooperativo presieduto da Piero Melazzini si conferma inoltre tra i migliori per la qualità del credito: le sofferenze nette sono pari allo 0,95% dei crediti verso la clientela. Soci in aumento vicino a quota 166mila.