Va a lavorare e lascia il bimbo 9 ore al parco

Non sapendo dove «parcheggiare» il figlio, ha pensato bene di mollarlo al parco. Come un gatto. E come un gatto è stato accudito dai vicini fino a quando qualcuno ha chiamato il 113. Gli agenti hanno affidato il piccolo a una comunità e denunciato la madre, un peruviana clandestina di 31 anni. Incinta di sei mesi.
Il bambino, 9 anni, è comparso l’altra mattina ai giardini di piazza Schiavone alla Bovisa e si è messo a giocare con i coetanei. Con il passare delle ore qualcuno ha iniziato a insospettirsi. Inizialmente i genitori degli altri bambini si sono limitati a sfamarlo, poi verso le 19 (9 ore dopo l’abbandono) una mamma di 36 anni ha chiamato la polizia. Gli agenti hanno preso in consegna il bimbo che ha detto di chiamarsi Angelo e ha esibito il cellulare della madre. La donna, arrivata un quarto d’ora dopo, ha riferito di abitare alla Comasina e di lavorare come domestica presso una connazionale, senza specificarne l’indirizzo. Ha spiegato di aver dovuto trascinarsi dietro il figlio perché il suo nuovo compagno non lo vuole tra i piedi. La donna è stata denunciata per abbandono di minore, ma non sarà espulsa perché incinta di sei mesi. Il piccolo invece è stato affidato a una comunità.