«Come va nonno?» E poi lo derubano

Nuovo colpo della solita banda di giovanissimi nomadi, per lo più sotto i 14 anni e quindi non punibili, questa volta ai danni di un anziano, scippato del portafoglio. L’uomo, Sergio L., di 76 anni, stava rientrando nella sua abitazione in via Amudsen quando è stato «circondato» da due ragazzini, poi descritti come adolescenti dagli inequivocabili tratti zingareschi. I giovanissimi hanno preso ad abbracciarlo gridando festosamente «Cio nonno, come stai?». L’anziano li ha lasciati fare e solo quando i due si sono allontanati, si è accorto gli era sparito il portafoglio con dentro 350 euro, documenti vari e carte di credito. La vittima ha subito chiamato il 113 e ha poi fornito agli agenti una dettagliata descrizione dei mini-borseggiatori. Un equipaggio è partito subito per una battuta in zona, ma della coppia di piccoli delinquenti non c’era più traccia. Sono mesi comunque che in zona agisce questa banda, composta forse da una decina di ragazzini tutti minorenni. Le rare volte che vengono fermati, si rivelano avere meno di 14 anni, dunque non punibili per legge. E se messi in qualche istituto, che non è certo un carcere, scappano poi nel giro di breve tempo. Alla guida di questa mini-gang però dovrebbero esserci degli adulti che avrebbero addestrato i piccoli fuorilegge a furti e borseggi, come nel romanzo «Oliver Twist» di Charles Dickens. Sempre gli adulti poi sceglierebbero prede e strategie, mandando infine gli «impunibili» ladruncoli all’assalto.