Va tutto bene

Esercitazione per l’esame di giornalismo. Il candidato calcoli che hanno scioperato i medici, gli anestesisti e persino gli ergastolani (il 3 dicembre, sciopero della fame) mentre i tassisti hanno bloccato illegalmente la Capitale ottenendone in premio un aumento. Lo sciopero dei trasporti ha fermato treni, voli, metropolitane, bus, tram e traghetti. Lo sciopero degli autotrasportatori ha bloccato strade e porti e ha portato a file da calamità naturale ai benzinai con gente che faceva provviste nei supermercati per carenza di carne e latte e frutta e verdura, con migliaia di tonnellate di derrate marcite ovunque e con la benzina terminata quando tra due giorni saranno fermi anche gli aerei. La gente è strozzata dai mutui e da gennaio sono previsti aumenti di acqua, luce, gas, carburante, biglietti treni, tassa rifiuti, beni alimentari e servizi assicurativi e bancari; l’Italia ha i salari più bassi d’Europa, a parte il Portogallo, e gli operai muoiono nelle acciaierie; mezzo Paese ha inoltre i contratti da rinnovare e si preannuncia uno sciopero generale per fine gennaio; da venerdì, infine, soprattutto al Sud, è previsto un freddo polare. Il candidato ha tre ore per valutare che cosa sarebbe successo se ci fossero stati Berlusconi al governo e all’Unità.