Vacanze «a rate», le agevolazioni non mancano

Alpitour: «I pagamenti dilazionati sono all’ordine del giorno»

Diego Luigi Marin

Gli esperti lo definiscono «effetto apprendimento»: nel circuito dei consumi la dimestichezza con un bene-servizio di provata utilità agisce da volano per il mercato. «È il caso - sostiene Umberto Filotto, segretario generale di Assofin - delle carte “revolving”, a rimborso rateale, la cui praticità ne alimenta l’impiego continuativo. Che qui in Italia avviene peraltro in modo responsabile: i dati mostrano che i consumatori non si lasciano prendere la mano». Lo testimoniano anche i dati dell’Abi, che a fronte di un’ulteriore crescita degli strumenti del credito al consumo (+18,5% nei primi 9 mesi del 2005), non evidenziano un aumento corrispondente delle insolvenze. Né fanno eccezione le carte «revolving», che nel 2005, stando ad Assofin, hanno finanziato operazioni per un valore di 7.652 milioni, pari al 16,1% del mercato totale.
A credito si comprano le auto, gli elettrodomestici e l’arredamento, ma anche, e sempre più, servizi per l’istruzione, la salute e il benessere. «In particolare - sottolineano in Alpitour - un numero crescente di famiglie acquista a rate le vacanze. E la chiave di volta è il programma di fidelizzazione che solo la carta di credito può offrire». Tant’è che oggi, su 10 finanziamenti, 8 la prevedono. «Così, infatti - aggiungono in Alpitour - è possibile godere di formule agevolate, che durante i periodi promozionali corrispondono addirittura a offerte a tasso zero, e di una serie di vantaggi legati ai programmi fedeltà». Bonus e punti utilizzabili per ottenere sconti e facilitazioni sulla vacanza successiva. E per invogliare i possessori della carta di credito iscritti all’immancabile club dei fidelizzati, il tour operator spesso aggiunge sconti sui servizi collegati ai viaggi, dai parcheggi all’aeroporto agli accessi riservati alle sale d’attesa. «La carta “revolving” - puntualizzano all’ufficio marketing di Alpitour - può essere richiesta subito all’agenzia di viaggi, al momento della prenotazione della vacanza. La formula cosiddetta di instant credit consente di far coincidere la richiesta della card con l’accesso immediato a una delle formule di finanziamento, anche se il cliente non ne è ancora materialmente in possesso; gli sarà inviata a casa il mese seguente».
Un modo per offrire un servizio completo nell’arco di pochi minuti, comprimendo i tempi canonici per l’avvio della pratica. «Altro elemento di valore aggiunto, la gratuità della quota annuale». Proprio perché, anche se limitato a 15-20 euro, il canone annuo si dimostra comunque una forte remora all'attivazione della carta.