Vacanze, vietati i massaggi in spiaggia "Ambulanti impreparati nella pratica"

Con un’apposita
ordinanza, il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini,
proibisce l’esecuzione di massaggi lungo i litorali "per la
tutela dell’incolumità pubblica". Spetterà ai sindaci far
applicare la norma

Roma - Il ministero della Salute vieta i massaggi sotto il sole eseguiti dagli ambulanti. Con un’apposita ordinanza, il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, proibisce l’esecuzione di massaggi lungo i litorali "per la tutela dell’incolumità pubblica" per "prevenire gli effetti pericolosi che possono essere generati dalla pratica sulle spiagge di prestazioni estetiche o terapeutiche, da parte di soggetti ambulanti non in possesso di adeguata preparazione e competenza". Spetterà ai sindaci dei comuni interessati far applicare e rispettare la norma.

Il provvedimento del ministero Il provvedimento ribadisce la "fondamentale importanza dell’igiene personale degli operatori e in particolare di quella delle mani per la prevenzione di infezioni cutanee". Inoltre, considerato l’utilizzo di oli, pomate, creme, unguenti e altri prodotti "la cui composizione e origine non sono note e che potrebbero generare fenomeni di fotosensibilizzazione della pelle - si legge in una nota ministeriale - stabilisce che il particolare contesto in cui tali attività vengono svolte non garantisce il rispetto delle adeguate condizioni igieniche né l’erogazione delle prestazioni in ambienti appropriati". "Ritengo fondamentale - afferma il sottosegretario Martini - che non sussistano nel nostro Paese presunte extraterritorialità, grazie alle quali non solo vengono potenzialmente lesi gli standard di sicurezza per i cittadini ma anche la credibilità di chi opera in questo settore. Per questo chiedo la collaborazione dei sindaci dei Comuni interessati e di tutti i gestori di stabilimenti balneari".