Vademecum Le mosse per chiedere giustizia

Queste le regole «auree» per contestare una multa su cui si hanno legittimi dubbi di validità. Primo, non far scadere i 60 giorni dalla notifica della sanzione o dalla consegna del verbale. Secondo, controllare attentamente il verbale nell’intestazione, nel contenuto, nella notifica e in tutte le altre indicazioni. Terzo, individuare per bene l’autorità a cui indirizzare il ricorso: sia il prefetto o il giudice di pace. Quindi occorre compilare il modulo di contestazione facendo attenzione agli aspetti formali: un lavoro che richiede adeguata pazienza. Esporre correttamente il motivo del ricorso, inoltre, è fondamentale: va spiegato con dovizia di particolari. Conservare poi una copia del ricorso unitamente alla ricevuta di ritorno della raccomandata, per un periodo di tempo di almeno 5 anni. Infine, accorgimento che può sembrare banale ma non lo è, firmare tutto per esteso, allegare al ricorso il verbale originale e... aspettare il verdetto.