Al vaglio del Csm l’intervista di De Magistris

Il Csm potrebbe valutare l’intervista al pm di Catanzaro Luigi De Magistris andata in onda giovedì ad «Annozero». Se ne occuperebbe la Prima commissione, che ieri ha proseguito la sua istruttoria e procede parallelamente alla sezione disciplinare, che ha rinviato lunedì al 17 dicembre la decisione sul trasferimento del pm e del suo capo Mariano Lombardi chiesto dal Guardasigilli Mastella. I commissari hanno stabilito che approfondiranno la questione il 23 ottobre prossimo: si tratta delle dichiarazioni su pressioni e intimidazioni denunciate dal pm, ma anche di accuse su presunte collusioni tra la magistratura calabrese e il potere politico, fatte dal magistrato in altre interviste. Un procedimento per il trasferimento d’ufficio di Lombardi è stato già aperto, ma in base alle nuove analisi la Prima commissione potrebbe decidere di procedere in questo senso anche per De Magistris, come ha proposto il laico di An Gianfranco Anedda. Gli spazi d’azione sono però limitati perché, per alcuni membri del Csm, anche queste dichiarazioni di De Magistris finiranno nel fascicolo della sezione disciplinare.