La valanga azzurra contro tutti Vuole sfruttare il fattore campo

Quattro giorni, quattro gare, un menù davvero completo. L'antipasto si può già gustare oggi, è il superG della Val Gardena che apre il lungo fine settimana italiano di coppa del mondo, il piatto forte sarà il gigante di domenica sulla Gran Risa dell'Alta Badia, preceduto sabato dalla spettacolare discesa sulla Saslong gardenese e seguito lunedì dallo slalom, sempre in Alta Badia. Il meteo promette freddo e sole, la neve c'è ed è splendida, non manca nulla insomma, se non qualche gran risultato, ma su quello punteremmo ad occhi chiusi, soprattutto per quanto riguarda il gigante di domenica che vivrà sulla sfida fra i nostri (Blardone, Moelgg, Simoncelli e Schieppati su tutti) e gli stranieri, che considerano questa grande classica un traguardo imperdibile per il palmares di un gigantista. Se Kalle Palander l'ha già vinta due volte e ha dichiarato di voler fare tris, Benni Raich è invece sempre stato respinto dai muri della Gran Risa e promette battaglia: l'austriaco ha anche rinunciato alla discesa per non stancarsi troppo. Domenica mancherà purtroppo lo sfortunatissimo Thomas Fanara, il talento francese che sabato scorso ha offerto a Blardone la vittoria su un piatto d'argento uscendo nella seconda manche dopo aver dominato la prima e che 24 ore dopo in slalom è caduto rompendosi il legamento crociato di un ginocchio: per lui stagione finita.
La notizia di ieri è che Giorgio Rocca si sente pronto per tornare in gara: dopo gli allenamenti svolti proprio in Alta Badia, il valtellinese correrà lo slalom di lunedì, salvo ripensamenti dell'ultimo momento. Oggi e domani Giorgio si allenerà con Moelgg e potrà davvero capire come va, Manfred infatti è in gran forma ed è un ottimo termine di paragone: dopo aver avuto per anni Giorgio come punto di riferimento, ora gli rende il favore.
Il clima in casa Italia è ovviamente buono, le due prove della discesa hanno sorriso a Kurt Sulzenbacher (2° e 7° tempo), mentre Peter Fill ancora una volta ha faticato e Patrick Staudacher non ha impressionato. Oggi però si corre il superG e proprio questi ultimi saranno gli italiani su cui puntare: il campione del mondo di Åre è stato buon settimo nella gara di Beaver Creek e davanti alla sua gente vorrebbe ovviamente dimostrare che quella medaglia d'oro se l'è meritata davvero. Partirà con il numero 14 appena davanti al gruppo dei big, guidato da Benni Raich, pettorale rosso di leader della specialità, un grande orgoglio per lui che finora l'aveva vestito solo in gigante e slalom. L'austriaco, che dopo la vittoria di domenica è tornato a guidare anche la classifica generale di coppa, ha disertato le prove della discesa proprio per concentrarsi sul superG e soprattutto sulle gare della Badia: dietro a questa scelta c'è l'intelligenza di un campione che sa come gestirsi ma pesa sicuramente anche l'assenza di Aksel Lund Svindal.
TV: oggi diretta superG maschile Val Gardena alle 12.15 su Rai3 ed Eurosport.