Valanghe, morti cinque alpinisti francesi sul Gran Paradiso

Gli escursionisti, tutti francesi, sono stati travolti dal crollo di una cornice di neve ieri pomeriggio a Pian di Basei a quota tremila

Torino - Sono stati trovati morti i cinque escursionisti francesi travolti ieri pomeriggio da una valanga caduta a Pian di Basei, sotto l'omonima punta, sul versante piemontese del Gran Paradiso. Già ieri sera il soccorso alpino valdostano aveva tratto in salvo un superstite, la guida del gruppo, mentre questa mattina i colleghi del soccorso piemontese hanno recuperato i cinque corpi.

A trovare i corpi sono stati questa mattina alle prime luci dell'alba gli uomini del soccorso alpino con l'ausilio di un elicottero. Secondo le prime ricostruzioni non si tratterrebbe propriamente di una valanga quanto piuttosto del cedimento di una cornice di neve, a 3.000 metri di quota, sulla quale erano finiti gli alpinisti, probabilmente anche a causa del brutto tempo e di una fitta foschia che ha reso difficile l'orientamento. La cornice di neve sarebbe crollata sotto il peso degli escursionisti e precipitando avrebbe causato il movimento di altra neve, questa volta a valanga. I corpi dei cinque uomini si trovano ora a Ceresole (Torino).

L'inchiesta è condotta dal sostituto procuratore della Repubblica di Ivrea Fabrizio Givri. Nel frattempo sono stati identificati gli escursionisti: Colomb Christian, 60 anni, residente a Vichy; Sophie Chourtier, 38 anni, residente a Parigi; Christophe Jean Marie Gandon, a 45 anni, residente a Marigny le Chantel; Paladini Bruno, 51 anni, italiano, residente a L'Ojon; Brisset Ghautier Francois, 44 anni, residente a Betz. Il ferito recuperato ieri e ricoverato all'ospedale di Aosta è Olivier Etienne Jean Pierre, 45 anni, residente a Creux Vincent.