Valbisagno, un nuovo tram e parcheggi d’interscambio

Per progettare la nuova tramvia in Valbisagno il Comune di Genova è pronto a investire circa 3 milioni di euro entro il 2012: lo annunciano il sindaco Marta Vincenzi e l’assessore al Traffico Simone Farello nel corso di un incontro ieri a Palazzo Tursi. «Con il progetto preliminare nel cassetto sarà più facile trovare le risorse per finanziare la costruzione dell’opera» sottolinea il sindaco, mentre l’assessore precisa: «Nel progetto, la nuova linea di trasporto pubblico via tram dalla Valbisagno dovrà arrivare fino a Principe».
Inoltre, il Comune investirà circa 10 milioni di euro (4 propri, 6 stanziati dal governo) per progettare e realizzare il prolungamento del metrò con una nuova fermata di superficie nell’area «Giusti-Martinez», liberando l’area dell’ex parco locomotori a San Fruttuoso.
Dall’autunno, intanto, a Genova saranno attivati due nuovi park d’interscambio auto-bus a Marassi e sul molo Archetti dove gli abbonati Amt non pagheranno la sosta. Nuovi park d’interscambio sono previsti in Valpolcevera, a Prà e a Staglieno.
Sempre in tema di viabilità, infine, è confermato che la Conferenza dei servizi ha dato il via libera al progetto definitivo per realizzare il nuovo Nodo di San Benigno, e dal 1° agosto Trenitalia ha ripristinato il treno di Vesima del mattino per l’afflusso di coloro che sono diretti alla spiaggia libera comunale attrezzata.
Con l’occasione, Vincenzi e Farello annunciano poi che sarà mantenuta «in house» al 100 per cento dal Comune la società Genova Parcheggi SpA, regolatrice della sosta in città. «Mantenere in mano pubblica la società è una scelta politica e produttiva - ribadisce l’assessore - in un settore strategico per l’attivazione del Pum e del Puc», il Piano urbanistico della mobilità e quello regolatore comunale. Sono 157 i lavoratori a tempo indeterminato impiegati ora dalla società, e secondo Farello «l’ingresso del privato avrebbe portato precariato».