VALCAMONICA

Sono passati 93 anni: tanto è servito a far sbocciare di nuovo il «Sentiero dei Fiori» nel gruppo del Tonale-Adamello. Da questa estate in Valcamonica tutto è tornato (quasi) come allora lassù, dove si sfiorano i 3000 metri. Per fortuna non si combatte più, ma fra i monti si va solo a passeggiare e questa estate le nuove passerelle sospese rendono più emozionante l'avventura di uno dei sentieri attrezzati più famosi di questo angolo bresciano di alpi. Dal Passo del Tonale si raggiunge in funivia il passo Paradiso. Di qui l'itinerario conduce sulle creste di punta del Castellaccio. Fin qui sulla carta la passeggiata è (quasi) per tutti. Basta mettere in conto di avere fiato e gambe per camminare sei-sette ore e di sapersi destreggiare in alta montagna.
Ma ecco la novità che piacerà soprattutto agli equilibristi: dai 2900 metri del passo di Castellaccio sono stati ripristinati i vecchi ponti a fune - due passerelle di 55 e 75 metri - che attraversarono i nostri soldati nella Grande Guerra per aggirare l' impervio sperone, del «Gendarme di Casamadre» e che un tempo conducevano al villaggio militare. Informazioni Capanna Lagoscuro 338 9415 416, oppure 339 2302693).