Valigia persa a Fiumicino rispunta piena di cocaina

Turista messicana in Abruzzo manda all’aria il piano dei narcos

La denuncia di smarrimento di bagaglio presentata da una turista messicana, giunta in Abruzzo, a Lanciano per vedere la figlia, ha mandato all’aria il piano di alcuni narcotrafficanti che avevano sostituito la sua valigia con una contenente venti chili di cocaina, per un valore di mercato di 7 milioni di euro. Pur essendo diverso da quello imbarcato dalla donna, il bagaglio presentava il talloncino con il suo nome rilasciato dal check-in regolarmente fatto a Città del Messico. È proprio qui, secondo gli investigatori, che è avvenuto lo scambio. L’aereo su cui la donna ha viaggiato ha fatto scalo anche ad Amsterdam prima di giungere a Roma. Per depistare i cani antidroga, inoltre, lo stupefacente era stato mascherato con caffè, gelatina e camere d’aria di gomme di bicicletta. La valigia con il nome della donna è stata recapitata alla stessa, con tante scuse, da un corriere, nella casa della figlia a Lanciano. Una volta aperta, la sorpresa e la conseguente denuncia al commissariato. La signora era arrivata a Roma lo scorso 14 settembre.