Vallanzasca non avrà il suo show

Deve scontare 260 anni di carcere per sei omicidi, quattro sequestri di persona, più una lunga serie di rapine, evasioni e sommosse carcerarie. Eppure gli organizzatori del «Courmayeur Noir in festival», rassegna di cinema e letteratura, avevano avuto l’idea di invitare alla giornata inaugurale dell’evento, dopodomani, proprio Renato Vallanzasca. Il «bel René» avrebbe dovuto presentare la riedizione del libro sulla sua vita, Il fiore del male (Tropea editore), scritto nel 1999 con il giornalista Carlo Bonini. Appuntamento saltato. Le proteste scatenate dall’annunciata presenza del criminale - prima fra tutte quella del governatore della Valle d’Aosta, Augusto Rollandin, che promuove la rassegna con il Ministero delle Attività culturali - sono riuscite a costringere alla marcia indietro i responsabili dell’evento culturale.