Vallecrosia torna ai tempi dei saraceni

Stefania Antonetti

Battaglie e fughe, guardie armate di spade, alabarde e scudi e turchi assalitori diventano i protagonisti della «Settimana saracena» che da domani fino al 17 agosto animeranno le serate estive del piccolo borgo di Vallecrosia, nell’Imperiese.
Per un'intera settimana il paese rivivrà le sue tradizioni medievali attraverso una serie di eventi legati al tema dell'incursione dei pirati barbareschi -compiuta il 25 luglio 1546 - sulla spiaggia dei Piani e il successivo assalto al borgo medievale.
«La Settimana saracena rappresenta un approfondimento culturale e storico - dichiara Salvatore Amelia, presidente del consiglio comunale -, ma anche un importante veicolo di promozione e rivalutazione turistica del nostro comprensorio».
La rassegna si apre domani con l'inaugurazione della mostra di strumenti musicali medievali «La voce del legno» (aperta fino al 17 agosto) nella Sala Polivalente in via Colombo, dove «La bottega della musica» di Pisa ha curato l'allestimento del laboratorio medievale di Liuteria.
Giovedì invece alle 21, la conferenza «Il medioevo del ponente ligure tra incursioni ed assedi», affronterà il tema su come le incursioni saracene, turche e barbaresche hanno influenzato lo sviluppo sociale ed economico della riviera ligure; mentre venerdì 11 nella pista di pattinaggio, Gianpiero Alloisio presenterà alle 21, il suo spettacolo-concerto «Le tre anella».
Sabato dalle 20.45 un corteo storico si snoderà tra le strade della città, con la partecipazione dei quartieri Orso e Pantan di Taggia, della Compagnia Balestrieri di Ventimiglia e da sbandieratori, tamburini e danzatori. Il gruppo «Aptatur Musica» animerà poi la serata con concerto di musica medievale, mentre giochi pirotecnici accompagneranno lo spettacolo dello «sbarco dei saraceni» nel castello allestito per l'occasione sulla spiaggia. Mercoledì 17 agosto il gruppo «Trio Lucentes» di Lucca con il concerto di musica medievale «Di pifferi, tamburi e altri strumenti» concluderà il ciclo delle manifestazioni. L'evento patrocinato dal Comune di Vallecrosia, dalla provincia di Imperia e dalla Regione Liguria, ha visto anche il sostegno della Fondazione Carige.
«Finanziare attività artistiche e culturali come queste - dichiara Pier Luigi Vinai, consigliere della Fondazione -, aiuta e promuovere lo sviluppo del territorio con una ricaduta di benefici per tutti».