Vallettopoli, Corona libero Resta l'obbligo di dimora

Il gip di Milano, Giulia Turri, ha revocato la misura di custodia cautelare in carcere per il fotografo al centro dell’inchiesta su Vallettopoli. Ma Corona sarà obbligato a tornare a casa ogni sera

Milano - Il gip di Milano, Giulia Turri, ha revocato la misura di custodia cautelare in carcere per Fabrizio Corona, il fotografo al centro dell’inchiesta scandalo su Vallettopoli, e gli ha imposto l’obbligo di dimora a Milano e il rientro a casa alla sera. Nonostante il nuovo provvedimento, però, per Corona cambia poco: nei confronti del fotografo, infatti, gravano ancora due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dalla magistratura di Potenza e da quella torinese, e una misura di arresti domiciliari disposta dal gip di Roma.

La richiesta di scarcerazione era stata avanzata nei giorni scorsi, dopo una nuova serie di interrogatori ai quali Corona era stato sottoposto nel carcere di San Vittore, dai suoi legali Francesco e Giuseppe Strano Tagliareni e Manuela Marcassoli.