Valverde, la vittoria che fa scandalo

È invischiato nell’«Operazione Puerto» come Basso: ma lui può correre

Scandalo a Liegi. La corsa più bella, più gloriosa, più aristocratica del mondo fa sedere a capotavola il corridore più discusso e più discutibile del mondo: Alejandro Valverde, spagnolo, professione impunito.
Poi dice che il ciclismo fatica a ripartire con una faccia nuova: ma va? Come si può pensare di ripartire ripuliti e rispettabili, quando gli effluvi della storica «Operation Puerto», la madre di tutte le inchieste, ancora aleggiano sul gruppo, senza che nessun governo e nessun dirigente avverta anche solo un minimo di disagio. Da dove dovrebbe nascere questo disagio? Facciano un po' loro. Vedano se è normale e accettabile continuare a subire una storia grottesca e vergognosa come questa, che già troppe volte s'è raccontata, ma che proprio adesso, di fronte al trionfo nella Liegi-Bastogne-Liegi, nessun uomo onesto può improvvisamente dimenticare. Solo un rapidissimo riassunto per rinfrescare le memorie confuse da troppi anni di scandali. Allora: tra le carte della famosa inchiesta spagnola, meglio ancora tra gli affezionati clienti di quel (...)
SEGUE A PAGINA 32