Vandali devastano due treni in Valtellina La Regione li aveva inaugurati tre giorni fa

Sei finestrini rotti, cinque sedili tagliati, una porta divelta, un tachimetro distrutto, tendine strappate, corridoi sporchi e scritte oscene all’interno all’esterno dei vagoni: praticamente una carrozza resa totalmente inagibile. È questo il bilancio di un’azione vandalica avvenuta nella notte tra sabato e domenica messa a segno a Morbegno e a Sondrio e che ha preso di mira 2 treni . I treni coinvolti sono il 2581 in partenza da Tirano alle 19.10 e diretto a Milano Centrale - totalmente rinnovato e presentato al pubblico solo giovedì scorso - e il 2585 in partenza da Sondrio alle 21.23, anch’esso recentemente rimodernato. Il sospetto è che gli autori dei danneggiamenti siano tra i partecipanti al tour nella cantine della manifestazione «Morbegno in cantina». Le indagini sono in corso.
«È un atto di inciviltà inqualificabile - ha dichiarato ieri l’assessore alle Infrastrutture e mobilità della Regione Raffaele Cattaneo dopo aver appreso la notizia di quanto accaduto nella notte. «Neanche due giorni di servizio - ha proseguito Cattaneo - e il treno a causa di questa barbara azione è già fuori uso. Ora è in un deposito per le dovute riparazioni. Abbiamo consegnato giovedì al territorio un treno completamente rinnovato e confortevole che tutti hanno potuto apprezzare. Tutto questo è stato fatto - ha aggiunto Cattaneo - con l’obiettivo di dare ai nostri viaggiatori un servizio all’altezza delle loro aspettative. Lo sforzo è però stato vanificato in poche ore. Azioni di questo tipo annullano il costante impegno messi in campo per il miglioramento del servizio. Tutto diventa ancora più grave in un momento delicato come questo in cui le risorse per il trasporto pubblico scarseggiano». «È quindi evidente - ha concluso l’assessore Cattaneo - che occorre pensare a strategie ed iniziative che tutelino il patrimonio pubblico e puniscano duramente i responsabili»