Vandali sui treni: danni per migliaia di euro

Finestrini rotti, danni stimati per circa seimila euro, cancellazione di alcuni treni regionali e inevitabili disagi per migliaia di viaggiatori. È il bilancio dell’ennesimo atto vandalico ai danni di carrozze di Trenitalia. Lo ha denunciato ieri, con una nota ufficiale, l’azienda ferroviaria. «Nella mattinata di martedì scorso - si legge nel comunicato - nella stazione di Genova Voltri ignoti hanno danneggiato le locomotrici dei treni regionali 6201 Brignole-Savona e 21053 genova-Nervi. Sono stati infranti i finestrini di alcune carrozze» I due convogli sono stati subito inviati in officina per le riparazioni del caso. Inevitabili le cancellazioni delle corse previste e già in orario. «L’improvvisa non disponibilità delle due elettromotrici - ha dichiarato Trenitalia - ha determinato la cancellazione di alcuni treni regionali in servizio sulle linee Voltri-Nervi e Brignole-Arquata».
Le Ferrovie, oltre a quelli materiali, denunciano un danno all’immagine dell’azienda e «gravi disagi ai viaggiatori».
Per la verità in questo periodo, su tutte le linee che collegano la Liguria alle altre regioni, si registrano ritardi e cancellazioni quotidiane, sia dovuti a guasti che agli scioperi a scacchiera (almeno tre nel solo mese di luglio) che vengono proclamati da varie sigle.
Tra i ritardi più ecltanti anche quelli di Intercity e Eurostar che non di rado subiscono rallentamento tra i sessanta e i 180 minuti costringendo i passeggeri-clienti ad attese snervanti con bivacchi alle stazioni.