Vanessa porta le compagne a Pechino

Missione compiuta? Molto di più. Ai mondiali di Stoccarda, la nazionale donne di ginnastica centra la qualificazione ai Giochi di Pechino ma anche alla finale a squadre, che mercoledì opporrà le migliori otto formazioni (Usa, Cina, Romania, Russia ci precedono). Un risultato storico: le azzurre non erano mai andate oltre il 9° posto. Segno della crescita di una nazionale già capace nel 2006 di vincere il titolo continentale a Volos. Dopo il weekend delle qualificazioni, le azzurre (Francesca Benolli, Monica Bergamelli, Vanessa Ferrari, Federica Macrì, Lia Parolari e Silvia Zanolo) chiudono con un formidabile 5° posto. È il successo della Bergamelli, al suo 7° mondiale, della Benolli, oro europeo al volteggio 2005, rientrata da un grave infortunio e soprattutto della Ferrari, ora attesa anche dagli impegni individuali: venerdì, con la Macrì, il concorso generale (è 5ª e iridata in carica); sabato la finale alle parallele e domenica al corpo libero. «Il piede mi fa male», dice Vani, che ha reagito al dolore da campionessa, «ma proverò a far tutto. Ho fatto bene al volteggio anche perché negli ultimi mesi mi sono potuta allenare in impianti con la rincorsa regolamentare. Ora che ho la nuova palestra posso pensare alla finale in questa specialità. Il risultato della squadra? Io ci ho sempre creduto».