Varata la seconda «forza» della Marina indiana

È stata varata nello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente la «Shakti», che in sanscrito significa «forza, energia, potenza», seconda «fleet tanker» (rifornitrice di squadra) ordinata dalla Marina Militare dell’India. La nave, lunga 175 metri, larga 25 e alta 19, ha un dislocamento a pieno carico di 27.500 tonnellate, un apparato propulsivo composto da due motori diesel da 10mila kW e può raggiungere una velocità massima di 20 nodi. Al pari della sua gemella, in fase di allestimento presso i cantieri del Muggiano a La Spezia, la nuova unità ha un ponte di volo per l’impiego di elicotteri medio-pesanti (fino a 10 tonnellate) e può effettuare il rifornimento di quattro unità in contemporanea, grazie ai doppi portali. La nave è in grado di ospitare circa 250 persone. Intanto i deputati Scandroglio e Cassinelli, il senatore Bornacin e i consiglieri comunali Lauro, Campora, Balleari e Cecconi, «al fianco dei lavoratori di Fincantieri», sottolineano che o Oltre alla minaccia di perdere il posto di lavoro «a Sestri Ponente la situazione è compromessa dallo stato in cui versa il territorio devastato dall’alluvione e dall’incuria dell’amministrazione comunale. La settimana prossima organizzeremo iniziative in cui sarà consegnata a privati e commercianti la modulistica per ottenere i risarcimenti ai danni subiti nell’alluvione del 4 ottobre».