Varese-Albinoleffe derby lombardo senza stelle e senza il «Mondo»

Quando si tratta di derby i pronostici vanno sempre espressi con cautela. Ma quello lombardo fra Varese e Albinoleffe non sembra nascondere grandi incertezze. I numeri, infatti, danno ragione alla squadra di casa il cui terreno amico, l'Ossola, è, insieme al Franchi di Siena, ancora imbattuto in Serie B. Se poi si considera che i bergamaschi in trasferta non hanno fatto vedere le cose migliori, non è azzardato prevedere che i biancorossi, che nell’ultima esibizione in casa hanno «asfaltato» il Torino, possano approfittarne per tenere a debita distanza dal quarto posto Livorno e Padova. Sempre a proposito di numeri vale la pena ricordare che il Varese vanta la miglior difesa della cadetteria (soltanto 16 le reti al passivo) mentre la retroguardia bergamasca è la peggiore del torneo (39 i gol incassati). In tema di realizzazioni, invece, c’è una lieve prevalenza degli ospiti, a segno 31 volte, contro le 28 dei padroni di casa che hanno nel nigeriano Giulio Ebagua, sei centri, il miglior marcatore. Per quanto riguarda l’Albinoleffe, invece, il cannoniere più prolifico, Matteo Momentè, non potrà andare oltre i 6 gol fin qui realizzati: il suo campionato, infatti, è già finito. L’infortunio subito lo scorso sabato nei primi minuti del confronto con l’Ascoli si è rivelato molto grave. Gli esami hanno accertato ciò che si temeva, la rottura dei legamenti del ginocchio (il giocatore sarà operato nei prossimi giorni).
Per l’Albinoleffe gli eventi negativi non concedono tregua. Dall’inizio della stagione le formazioni sono state dettate più dall’infermeria, sempre affollata, che dal campo. Come non bastasse si è aggiunta anche la malattia che ha colpito l’allenatore Mondonico, finito sotto i ferri per un delicato intervento all’intestino, peraltro perfettamente riuscito dal punto di vista tecnico. Per questa ragione oggi a Varese la squadra sarà guidata da Daniele Fortunato, ex giocatore di Vicenza, Atalanta, Juventus, Bari e Torino, e fedele «secondo» di Mondonico da diverse stagioni. Anche per lui, come per il mister titolare, molti i nodi da sciogliere per mettere in campo una formazione all’altezza. Oltre al già citato Momentè, sono fuori uso Cissè, Manzoni, Girasole, Layeni e Klun mentre altri giocatori lamentano problemi e non danno assolute certezze.
Meno problemi in casa varesina per il tecnico Giuseppe Sannino anche se deve fare a meno della «star», il brasiliano Leonidas de Souza Neto Pereira, 31 anni, pescato un anno fa dall'Italia San Marco, in seconda divisione e subito eletto a idolo della tifoseria biancorossa. Accanto ad Ebagua, in prima linea, l’allenatore deve scegliere fra Alemao e Carrozza, con il secondo favorito. Per il resto, non sono previste novità nello schieramento titolare.

Il programma della 25ª giornata Reggina-Padova (giocata ieri). Oggi ore 15: Ascoli-Piacenza; Atalanta-Pescara; Cittadella-Siena; Grosseto-Novara; Livorno-Vicenza (lunedì, ore 20,45); Modena-Crotone; Portogruaro-Frosinone; Torino-Sassuolo; Triestina-Empoli; Varese-Albinoleffe.
Classifica: Siena e Atalanta 47; Novara 45; Varese 40; Livorno e Torino 35; Padova e Reggina34; Pescara* 32; Grosseto e Vicenza 31; Empoli* 30; Crotone e Modena 29; Albinoleffe 28; Cittadella 26; Piacenza e Portogruaro 25; Sassuolo 24; Triestina 23; Ascoli (-6) 21; Frosinone 20.
* una partita in meno. Pescara-Empoli si recupera il 22 febbraio alle 18.30.