Varese Al bando le slot machines: no vicino alle scuole

Un sindaco del Varesotto dice no alle sale giochi e ai locali trasformati in piccoli casinò, capaci di attrarre soprattutto i ragazzi e le persone più deboli.
Così il Comune di Tradate ha messo nero su bianco il suo no alle sale giochi a un chilometro da scuole e ospedali, e ha obbligato i gestori a esporre cartelli che dissuadano dal gioco d’azzardo.
La stretta sulle slot machines è stata decisa dall’amministrazione comunale guidata da l sindaco Stefano Candiani, che ha emanato un’ordinanza che integra a livello locale la normativa nazionale. In uno stesso esercizio si potranno installare massimo 40 slot machines, quando la legge nazionale ne prevede una ogni 5 metri quadrati, che potranno essere utilizzate solo dalle 13 alle 23 in un locale separato dal bar. E, oltre al divieto di esporre insegne che richiamino al gioco d’azzardo, i gestori dovranno cercare di dissuadere i clienti dal giocare in maniera compulsiva.
«Ci siamo accorti che quella delle sale giochi è un’attività che non riuscivamo più a tenere sotto controllo», ha detto Candiani. «Le slot machines si trovano anche in molti bar frequentati da minorenni - ha proseguito - e a giocare in maniera compulsiva sono soprattutto soggetti socialmente deboli».
La messa al bando delle slot machines a un chilometro da scuole e ospedali renderà difficile aprire locali dedicati al gioco d’azzardo su gran parte del territorio di Tradate. «L’idea dell’ordinanza - ha concluso Candiani - è nata dopo che abbiamo ricevuto la richiesta da parte di un gestore di aprire un locale con 120 macchinette: ci sembrava ora di dire basta, e spero che altri comuni facciano lo stesso».