In vasca Recco e Savona

Torna la grande pallanuoto, quella che conta, quella che riempie le piscine. La fase finale del campionato, vede in vasca due liguri: Recco e Savona, opposte a Brescia e Posillipo. Già chiusa, invece, la fase dei play out: nel derby fratricida fra Chiavari e Camogli ha la meglio la formazione verde blu che condanna alla serie A2, dopo 5 anni dall'ultima promozione, i bianconeri camoglini. Dunque semifinali scudetto oggi al via. Alle 17.30, alla Scandone di Napoli, con il beneficio della diretta satellitare, l'Atlantis Posillipo ospita La Filanda Carisa Savona (arbitri Caputi e Paoletti). Gara non proibitiva per i biancorossi di Mistrangelo: la formazione napoletana, infatti, non sta attraversando un buon momento di forma. La sconfitta casalinga patita in Eurolega con il Partizan di Belgrado, formazione certamente non irresistibile, è segnale importante, da non sottovalutare però una reazione del clan rossoverde, chiamato ad una prova di carattere. C'è da dire che la a Rari ha dimostrato di possedere le qualità tecniche e mentali giuste per compiere l'impresa. Una minor pressione psicologica, e l'aver pareggiato nella partita delle regular season (10-10) potrebbero essere proprio quelle qualità necessarie ai biancorossi per andare avanti. Come sempre sarà il «mago» Mistrangelo a studiare e mettere in atto le mosse necessarie per espugnare la Scandone.
A Recco, invece, si gioca in notturna alla Ferro scoperta: alle 20.30 (ingresso gratuito, arbitri De Chiara e De Meo) arriva la Systema Brescia. È la prima di una sfida lunga ben due semifinali: di campionato e di Eurolega, in virtù di un sorteggio non certamente favorevole alle italiane. «Due impegni che non ci devono far mischiare le carte in gioco - commenta il tecnico della Pro Recco Porzio - sono gare diverse che nascondono insidie e possono causare disattenzioni pericolose».
Dopo la stagione passata al Boschetto di Camogli, dunque la Pro ritrova l'abbraccio del pubblico di casa. «Il nostro impegno conclude Porzio - è di non deluderlo».