Da Vasco ai Metallica valanghe di rock rigorosamente dal vivo

Quando eravamo ragazzi, nei primi anni ’70, per vedere un brandello di rock in tv dovevamo aspettare il sabato, verso le 18, quando Telemontecarlo trasmetteva i grandi concerti di star come Santana e Rolling Stones. Oggi invece è la tv (più ancora di tante radio schiave delle playlist), il miglior veicolo del rock e dei suoi derivati. Un love affair sempre più passionale. Non solo X Factor, ma soprattutto i mille canali di Mtv e Sky dedicati a stili e generi più diversi. Sky - che tra radio e tv ha un’offerta davvero sterminata - lancia oggi Live, la prima tv interamente dedicata ai concerti con 9mila ore l’anno di musica dal vivo. Un’orgia di suoni e palco che si apre con un omaggio a Vasco. In prima serata lo speciale Aspettando Vasco, con l’autointervista - confessione «il Komandante»; alle 23 il film - concerto integrale di Il mondo che vorrei e a seguire il backstage, per vedere con immagini inedite come nasce l’evento: dal montaggio del palco alle prime prove. Insomma i concerti che avete perso (o che non smettereste mai di rivedere) son lì a vostra disposizione. Qualche esempio? sabato alle 23.30 i Rem dal vivo in Germania; lunedì prossimo il Confession tour di Madonna da Londra e così via passando dagli Eagles al nu metal dei Rage Against the Machine, da Marco Carta (il suo primo concerto a Cagliari) a Britney Spears.
Non si tira certo indietro Mtv, regina dell’emittenza musicale. Accanto ai mille canali già in pista - da Mtv Hits a Mtv Gold al popolarissimo Total Request Live - è nato da poche settimane World Stage, che il venerdì sera racconta per suoni e immagini i grandi concerti della stagione. Il prossimo appuntamento, dopodomani, è con il vigoroso rock dei Metallica, seguito da un doppio appuntamento un po’ più leggero con Enrique Iglesias e Duffy. Dite il nome di una star del rock, di un grande del blues, di un artista di culto, di un alternativo o di un rapper e su Mtv prima o poi lo beccate. La rete però si dedica anche alla ricerca e alla promozione di talenti emergenti (è questa la strada giusta, dato che le trasmissioni di Mtv si vedono in 170 Paesi circa) e, dopo la serie Brand New Nights, che ha valorizzato artisti indipendenti come Graham Coxon o le divertenti Pipettes, ora va a caccia di nuove voci con lo show Mtv Push.