Vavassori: «Non voglio alibi A Salerno dobbiamo vincere»

Radio Nostalgia segue in diretta le partite del Genoa nei play off

Luca Russo

«A Salerno non voglio alibi e per favore non parlatemi dell'ambiente». Categorico, determinato e sopratutto concreto. Giovanni Vavassori prima di partire per Salerno lascia riecheggiare queste parole nella sede del Genoa a villa Rostan. Come dire che se è vero che in settimana si è parlato tanto del 'catino' dell'Arechi i giocatori devono pensare all'erba, al prato.
«Dobbiamo andare a Salerno convinti di dover giocare la partita e non farsela giocare - ha dichiarato perentoriamente - Ora il lavoro dell'allenatore è relativo, contano i giocatori e la loro capacità di immedesimarsi. Nulla deve essere lasciato al caso. Servono concentrazione e dedizione. Insomma non si gioca per se stessi, ma per la squadra». Fin qui le motivazioni, la carica, il carattere di un gruppo che in queste due settimane ha lavorato per recuperare la condizione migliore. E la preparazione sembra essere servita se è vero che tutto sono disponibili a parte Bacis colpito duro nella partitella di domenica scorsa. Le quotazioni di Zaniolo sono così in ulteriore crescita. «Lo ritroviamo, se ci sarà bisogno darà il suo contributo - ha sottolineato il 'Vava' quasi nel tentativo di fare pretattica - in questo momento nulla è deciso». Anche perché come ha ammesso l'allenatore rossoblù in questo periodo di pausa sono «state provate diverse soluzioni a seconda dei momenti della gara». In difesa sembra esserci un ballottaggio tra Fusco e Lamacchi nel ruolo di centrale accante a capitan Baldini. Più confusa è la situazione del centrocampo. Quello che sembra ormai certo è però la gabbia preparata per il famigerato Di Vicino trequartista odiato dai rossoblù per quella punizione che lo scorso anno a Piacenza rinvio la festa promozione. «Di Vicino ha caratteristiche particolari, non gli si deve dare la possibilità di muoversi» ha dichiarato Vavassori lasciando intendere che per il giocatore campano a segno contro i rossoblù anche quest'anno all'andata al Ferraris verranno adottate misure particolari. L'incontro di domani sarà diretto da Massimiliano Velotto di Grosseto che ha già arbitrato i rossoblù in tre occasioni ( Genoa-Pizzighettone 0-0, Cittadella-Genoa 1-, Giulianova-Genoa 0-0 ). A Salerno sono annunciati circa duemila tifosi rossoblù che arriveranno con un treno speciale e una serie di pullman. Chi non potrà andare in Campania potrà seguire l'incontro anche su Radio Nostagia che ha acquisito in esclusiva i diritti del Genoa per tutti i play off.