Vedete quest’uomo? Il governo lo abolirà

Ultim’ora: "Ipotesi, abolizione province aree metropolitane". Notizia
targata Ansa. Che, secondo indiscrezioni, sarebbe "una delle misure
allo studio per la messa a punto della prossima manovra". Fine del
lancio dell’agenzia stampa. Traduzione: il governo abolirà Filippo
Penati

Ultim’ora: «Ipotesi, abolizione province aree metropolitane». Notizia targata Ansa. Che, secondo indiscrezioni, sarebbe «una delle misure allo studio per la messa a punto della prossima manovra». Fine del lancio dell’agenzia stampa. Traduzione: il governo abolirà Filippo Penati. Un’abolizione dell’incarico che potrebbe avvenire alla prima data di cessazione dei consigli successiva all’entrata in vigore della manovra. Calendario alla mano significa che per l’attuale presidente della Provincia non c’è un secondo mandato: va a casa di default senza nemmeno passare dalle urne elettorali. E le competenze della Provincia? Stato e Regione Lombardia provvederebbero a trasferire le risorse e le competenze soppresse ai Comuni. Futuro dietro l’angolo, dunque. E al di là delle divisioni sugli avanzi di bilancio, sulle quote dei debiti e dei crediti e sulla collocazione del personale oltreché su chi si porta a casa la bandiera con lo stemma di via Vivaio. sorprende che l’inquilino di Palazzo Isimbardi non commenti la notizia. Abituati a essere bombardati di email con commenti e note su quanto (politicamente, s’intende) accade tra Milano e Roma, stavolta Filippo Penati sceglie la strada del silenzio. Difficile, anche per lui - con alle spalle ventidue anni di onorata carriera politica - dettare un’annotazione su questo finale. Che non è quello da lui ipotizzato, con tanto di “lista del presidente“ che corre (e vince) alle Provinciali. Va a casa, secondo l’indiscrezione della notizia Ansa, perché non c’è più la poltrona su cui sedersi. Gliela toglie il governo. E questa è una certezza.