Veleno al sapore di salmone: due cani salvati in extremis

Bisogna far attenzione a bambini e a cani, a Villa Pamphili e non permettere loro di avvicinarsi a cose lasciate a terra. L’altra mattina alle otto due cani, Babette e Darma, lasciati scorrazzare liberi per la villa, dalla parte dell’ingresso di via della Nocetta, hanno mangiato del veleno per topi aromatizzato al salmone. A lanciare l’allarme è stato l’Uffico diritti animali del Comune, che ha sottolineato come il veleno fosse contenuto in pasticche mono-uso, all’interno di una scatola da un chilo, aperta e a disposizione. «Per fortuna - ha spiegato l’Ufficio - il proprietario, il signor Kapust dell’associazione Zampe Onlus, quando ha scoperto i due animali intenti a mangiare avidamente il veleno, appetibile e di colore rosa acceso, li ha subito portati in una clinica privata, dove sono stati fatti vomitare all’istante, salvandoli. Si tratta comunque di un fatto gravissimo». Il veleno per topi è il Neuron plus della Mayer Braun, e sulla confezione trovata sul posto c’è persino scritto ironicamente «buona da morire»